Istituto Maria Immacolata -Missionarie Clarettiane

Via P. Pignatelli, 2   00043 Ciampino (Roma)

Tel. 06 7910055 - Fax 06 7911169

P.I.01079021000

Home Missionarie clarettiane Scuola e Didattica Regolamenti e Modulistica Contatti

PRESENZA A CIAMPINO

Il 25 febbraio del 1934 giunsero in Italia, dalla Spagna, alcune suore per assistere alla beatificazione del Padre Fondatore del nostro Ordine: Sant’Antonio Maria Claret. Due di loro, sollecitate dal padre Felipe Maroto (superiore generale dei Padri Clarettiani), rimasero a Roma in attesa di poter fondare la prima casa italiana. I Padri Clarettiani già presenti a Ciampino nella Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù, presero in affitto, per le suore, un villino in Via Principessa Pignatelli n° 29, dove le stesse si stabilirono il 6 aprile dello stesso anno per offrire la loro collaborazione alla parrocchia.  Questa casa risultò ben presto piccola per accogliere le nuove vocazioni e così, il 23 marzo del 1935, le suore si trasferirono a Frascati, dove rimasero fino al 1938, anno in cui si stabilirono ad Albano.

 










Villino del 1934.
Prima dimora delle Suore Clarettiane a Ciampino.



Il 21 novembre del 1942 fecero ritorno a Ciampino, stabilendosi definitivamente in un villino di Via Pignatelli, al n° 2, dove oggi sorge l’attuale istituto. Le prime quattro religiose di questa casa furono: M. Teresa Dragonetti, M. Rosaria Di Prima, M. Concetta Raineri e M. Agnese Fornasari. Furono loro che, nei locali della Parrocchia, aprirono la scuola Materna, si dedicarono all’educazione dei bambini, alla catechesi e all’assistenza ai gruppi dell’Azione cattolica.

Purtroppo la guerra, insieme ai tanti civili fece fuggire anche le suore che, nei primi mesi del 1943, si rifugiarono dapprima presso la famiglia Gagliardi in una casetta in campagna, poi in località Acquacetosa, presso la “Torre dell’Acquasotterra”;  nel mese di ottobre infine, in una casetta offerta dai Padri Clarettiani a Frascati, così da trascorrere l’inverno. Tentarono di tornare a Ciampino ma “.. I. tedeschi ci hanno sloggiato, gentilmente, dalla nostra casa invadendo con i loro camion tutta la tenuta” scrissero il 28 gennaio 1944. Per alcuni giorni furono allora ospiti dai monaci Camaldolesi sul Tuscolo e, a febbraio, presso la Chiesa di Montserrato a Roma. Il 27 luglio del 1944 alcune suore ritornarono a Ciampino, nella borgata Acquacetosa, alloggiate in un villino messo a disposizione dal sig. Pedrazzo, dove abitarono fino alla fine del maggio del 1945: “…per essere più vicine alla nostra casa di Ciampino e vedere se si poteva cominciare a fare qualcosa”. Infatti, nonostante tutte le difficoltà, si dedicarono ad impartire lezioni di taglio, cucito e ricamo alle ragazze e accolsero una sessantina di bambini, con i quali iniziarono le attività di scuola Materna ed Elementare. Queste attività si svolgevano quasi tutte all’aperto a causa della ristrettezza dei locali.

Finita la guerra, le suore fecero definitivamente ritorno al villino di via Principessa Pignatelli 2 e, nell’ottobre del 1946 ottennero il permesso di aprire la scuola, formalizzata dal Provveditorato agli Studi il 24/02/1948. Si diede così inizio al funzionamento ufficiale della scuola privata “Maria Immacolata”, con 160 alunni frequentanti, di cui  85 alla Materna e 75 nella scuola Elementare.

L’11 maggio del 1949 il villino e il terreno adiacente diventarono proprietà delle suore, grazie alla donazione fatta loro dalla sig.ra Basilia Gruccione che le conobbe tramite P. Pietro Cantin. dei Padri Clarettiani; i quali le sorressero ed aiutarono in ogni momento. Infatti, quando questi lasciarono la Parrocchia del Sacro Cuore il 1 settembre del 1952, le suore definirono questo giorno “un giorno molto triste”.

Il 30 ottobre 1949 fu posta la prima pietra per la costruzione dell’edificio che volge su Via Principessa Pignatelli, inaugurato, alla presenza delle autorità civili e religiose, l’11 ottobre 1953, accogliendo circa 400 alunni. Nel 1955 fu concesso il benestare per far sostenere, agli alunni, gli esami all’interno dell’istituto.

A seguito delle richieste dei genitori, nel 1956 fu dato avvio alla Scuola Media Francesco Petrarca; e per far fronte alla necessità di aule, si decise di ampliare l’edificio. Nel 1957 ebbero inizio i lavori per la realizzazione dell’ala del fabbricato che si affaccia sul V.le di Marino, la quale fu inaugurata nel 1958 da Sua Eccellenza il Cardinale Raffaele Macario. La scuola Media fu però chiusa nel 1960 ed i locali furono affittati al Comune di Marino, che vi aprì  la prima scuola Media Statale a Ciampino. Nel 1968, a seguito delle pressioni da parte dei genitori degli alunni della scuola Elementare, fu fatto un tentativo di riapertura della Scuola Media, che funzionò nello stesso edificio contemporaneamente alla scuola Statale, ma separatamente. Questo solo fino al 1971, anno in cui fu definitivamente chiusa, mentre il Comune di Marino lasciava i nostri locali trasferendo la scuola Media Rossini, oggi Umberto Nobile, in Via Mura dei Francesi.

 Da questo momento, con tutto l’edificio a disposizione e con un elevato numero di richieste di iscrizioni, furono raddoppiate le sezioni della scuola Elementare e portate a tre le sezioni della scuola Materna.

Nel 1980 si riaprirono i lavori per rendere la scuola più funzionale.            Due anni dopo, il 23 ottobre, fu una giornata di gran festa: al mattino il nostro Vescovo S. E. Mons. Dante Bernini inaugurò prima la nuova cappella, celebrandovi l’Eucarestia, e poi  la Sala “Antonia Parìs”, utilizzata  come palestra e teatro, alla presenza degli alunni che gli offrirono un semplice intrattenimento. I festeggiamenti si chiusero il giorno seguente alla presenza dei genitori e degli amici , con una esecuzione al pianoforte.

 Il 50° anniversario della fondazione della scuola fu celebrato solennemente il 21 novembre 1992.Nel corso della mattinata gli alunni furono intrattenuti con una manifestazione ludica organizzata dall’Associazione Nazionale Animatori Turistici di Ciampino. Nel pomeriggio le Suore ebbero la gioia di accogliere, oltre agli alunni, i loro genitori e un gran numero di ex alunni che parteciparono alla Messa solenne tenuta in Parrocchia, presieduta da S. E. Mons. Dante Bernini, a cui fece seguito un concerto del Coro Polifonico di Ciampino, diretto dal M° Mario Lupi  nella Sala Antonia Parìs dell’istituto.

Con l’apertura delle molte scuole sul territorio si dovettero diminuire, anno dopo anno, le sezioni della scuola elementare, fino alla situazione attuale. Ciò comportò la disponibilità di spazi che rimanevano inutilizzati; e, a questo punto, la possibilità di poter eseguire una totale ristrutturazione dell’edificio, adattando i locali alle nuove esigenze tecniche e didattiche.Si aprì così, la possibilità di ottenere la Parità della scuola, che avvenne infatti il 02/10/ 2001 per la scuola dell’Infanzia, e il 31/07/2002 per la scuola Primaria.

Quanto tempo è passato da quel lontano 6 aprile 1934!

Il seme, gettato allora, è oggi diventato un grande albero e, da Ciampino, l’Istituto ha preso il via per diffondersi in Italia.